Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Informazionicookies
Skip to main content

 

logo museo



Dal 9 dicembre per la prima volta sarà possibile viaggiare da fermi in modalità virtuale dall'aula di scuola oppure da casa. Le possibilità offerte dalle nuove tecnologie permettono di colmare le distanze ed evadere dalla reclusione forzata, visitando nuovi territori, scoprendo luoghi e persino ammirando le collezioni nei musei.

Fano, gli operatori didattici hanno predisposto due tipologie di proposte con temi e contenuti differenziati in base all'età. Visite guidate in streaming e didattica a distanza, seguiti da attività interattive e creative: quiz, giochi e feedback che aiuteranno gli educatori a capire il grado di comprensione degli studenti. La piattaforma virtuale sarà concordata con la scuola e gli incontri dureranno 1 ora.

 

 

Le visite guidate virtuali sono rivolte alle scuole superiori di primo e secondo grado e possono aderire anche gruppi di adulti.

Fano le visite sono trasmesse dal Museo del Palazzo Malatestiano per raccontare la storia e la vita alla corte di Pandolfo III Malatesta, tra regole, usi e costumi e soprattutto le belle arti, a partire dal dipinto di Giovanni Santi, padre di Raffaello.

La didattica a distanza sarà declinata secondo ordine e grado delle classi e adeguata alle richieste degli insegnanti. Immagini, documenti, riferimenti e link musicali aiuteranno la comprensione di periodi storici, argomenti e personaggi.

Informazione costi, modalità di partecipazione e prenotazioni: fano@sistemamuseo.it

Di seguito le nostre proposte.

 

 

VISITE GUIDATE ON LINE

 

Il museo apre le porte per visite guidate virtuali, dove operatori della didattica accompagneranno le classi alla conoscenza di collezioni e opere affascinati.
Al termine di ogni esperienza, quiz, giochi e feedback, renderanno viva l'attività e aiuteranno l'insegnante a capire il grado di comprensione degli studenti.

 

FANO DELLE CORTI

  Sede: Museo Archeologico e Pinacoteca del Palazzo Malatestiano
  Classi: Superiori di primo e secondo grado
  Durata: 1 ora circa

 



La storia delle storie che si manifestano a partire dagli esterni di questo splendido Palazzo.
La vita a corte al centro della nostra ricerca.
Ma quali fossero le regole e gli usi dell'epoca lo vedremo insieme.
Allora entriamo scoprendo un farsetto di Pandolfo Malatesta.
Facciamo attenzione ai dettagli e con cura ci sposteremo all'opera qui presente dipinta da Giovanni Santi, padre di Raffaello.
La vita artistica continuò ad essere viva anche nel Seicento grazie al mecenatismo di vescovi – la città era ed è sede episcopale – e ordini religiosi: operarono a Fano in questo secolo pittori celebri come Guido Reni, Ludovico Carracci, il Domenichino e il Guercino, Simone Cantarini e Giovanni Francesco Guerrieri, i cui dipinti si trovano oggi nelle chiese e nei musei cittadini.

 

DIDATTICA ESPERIENZIALE A DISTANZA

 

Attraverso incontri di didattica esperienziale a distanza, possiamo approfondire temi importanti del nostro patrimonio fanese.
Momenti ricchi di immagini esclusive, documenti, riferimenti e link musicali che potranno compendiare la conoscenza di periodi storici, argomenti e personaggi storici.
Al termine di ogni esperienza, quiz, giochi e feedback renderanno viva l'attività e aiuteranno l'insegnante a capire il grado di comprensione degli studenti.
Le esperienze saranno declinate ad ogni ordine e sensibilità degli studenti e insegnanti.

 

UN PO` SAPIENS E UN PO` NO!

   Classi: Scuole Primarie
   Durata: 1 ora circa

 


Un percorso antico, antichissimo! Un racconto che parte dalle prime tracce ritrovate a Fano dei primi insediamenti: amigdale, selci scheggiate e punte di freccia.
Tra Paleolitico e Neolitico fino ad arrivare all'evoluta epoca picena.
Scopriamo la vita quotidiana dell'uomo preistorico che viveva questi territori.
Schede, quiz e giochi per interagire con la parte più ancestrale che c'è in te!

 

Incontri modulari sulla Fano Romana

 

 

1 - UNA VERA FORTUNAE

   Classi: Declinato ad ogni ordine scolastico
    Durata: 1 ora circa

 


Una strada lunghissima, la via Flaminia, che univa Roma all'antica Ariminum vede nel suo itinerario la nascita di una città: l'antica Fanum Fortunae che rimanda al Tempio della Fortuna intorno al quale si sarebbe poi sviluppato l'abitato .
Il noto Cippo Graccano testimonia d'altronde che l'ager publicus fanese aveva già subito una prima suddivisione all'epoca delle leggi agrarie presentate dal tribuno Tiberio Sempronio Gracco.
E allora proiettiamoci all'interno dell'urbe e lasciamoci incantare dai suoi monumenti principali: l'Arco d'Augusto, le Mura, gli edifici nascosti e quelli scomparsi!

 

2 - AD MAIORA

   Classi: Declinato ad ogni ordine scolastico
   Durata: 1 ora circa

 


Ma come si viveva nella Colonia Iulia Fanestris?
Grandi personaggi transitati in questi luoghi, come Augusto e Ottavia, vestivano abiti sontuosi arricchiti di fibule, spille, gioielli e calzature chicchissime.
Si recavano alle terme, partecipavano a simposi ricchi di pietanze spettacolari e si distraevano negli anfiteatri.
E in momenti di riposo si rilassavano ascoltando miti avventurosi... proprio come voi!

 

MUTANDI MUTANDIS: SULLA STORIA DEL COSTUME E IL CARNEVALE

Classi: Scuole Superiori di primo e secondo grado
Durata: 1 ora circa

 


Un'affascinante vicenda legata alla storia dell'uomo: l'abito che fa un po' il monaco e un po' il preistorico!
Eh, sì, dalle epoche più antiche, passando per quelle romane e medievali, arriviamo al Rinascimento: lo sapevi che all'interno del museo puoi scovare il farsetto di Pandolfo Malatesta?
Tra Seicento e Settecento vediamo grandi cambiamenti e cura dei particolari: tessuti, merletti, spille e perle.
Ma, oltre il mutamento delle vesti nel tempo, vediamo anche come ci si diverte nell'entusiasmante cambio di vesti durante il periodo carnevalesco... ma perchè accade? Da dove nasce questa tradizione?
Vediamolo... e perdiamoci tra i colori dei carri e delle maschere.

 

VITRUVIO E IL RINASCIMENTO

   Classi: Scuole Superiori di primo e secondo grado
   Durata: 1 ora circa

 


Marco Vitruvio Pollione e il suo De Architectura, col suo grande trattato esamina l’insieme dei saperi teorici e pratici acquisiti nel campo dell’architettura e dell’ingegneria.
Si sente il rappresentante e il custode di una lunga tradizione, che ritiene ormai giunta al grado di perfezione, attraverso la sistemazione e la codificazione dei saperi elaborati fino ad allora.
Nozioni d'urbanistica, materiali, templi ed edifici pubblici, ma anche astronomia e macchine belliche, insomma un grande sapere che mille e quattrocento anni dopo viene ripreso a piene mani dai più grandi architetti rinascimentali.
Ne abbiamo tracce anche qui, a Fano! Antonio Sangallo e Francesco di Giorgio Martini fino a... rullo di tamburi... Leonardo da Vinci!
Insomma esploriamo il ricco e potente pensiero di questo antichissimo teorico e di come possa aver influenzato l'architettura del Rinascimento fino ai giorni d'oggi!

Sale

Chiese

Sezioni